Cadute di stile

Mariah Carey pesantemente photoshoppata da Terry Richardson. Il web deride il fotografo delle star

Mariah-Carey-Terry-Richardson

La tentazione di fare ritocchini con photoshop è un problema comune un po’ a tutti i fotografi: c’è chi ha la mano pesante e chi smussa giusto un po’ qui e un po’ lì, in questo caso Terry Richardson con Mariah Carey c’è andato giù pesante e per uno che si si è sempre proclamato a favore della fotografia “autentica” non è esattamente il massimo della coerenza.  Leggi il resto di questo articolo »

Emma Marrone, sostiene gli azzurri, ma si disegna in fronte il tricolore sbagliato

emma marrone_social

Le gaffe e gli scivoloni nell’era dei social network sono messi in vetrina, spesso proprio da chi della gaffe è ignaro artefice, come nel caso di Emma Marrone che in occasione degli scorsi Europei  ha voluto condividere sui social network un selfie che la ritrae con la bandiera tricolore dipinta sulla fronte a sostegno della nazionale.

Peccato che la bandiera, così dipinta non fosse quella italiana ma ricordasse piuttosto quella dell’Umgheria. Ecco quello che in gergo social si definisce un #epicfail che ha fatto infuriare i tifosi. Ecco cosa gira in rete adesso in piena febbre da mondiale, condviso sulle bacheche a più non posso. I social non dimenticano e rispolverare vecchi scivoloni trasforma una figuraccia in una immagine virale. Leggi il resto di questo articolo »

Cristina Parodi scimmiotta Michelle Obama: stesso vestito Asos della first lady per l’elezione del marito

parodi_gori copia

Le vie per rendersi ridicole sono infinite, ma ci vuole una certa predisposizione per scegliere quelle che ti si tatueranno addosso come lettere scarlatte: Cristina Parodi poteva scegliere di scimmiottare chiunque, ma ha voluto strafare vestendosi come Michelle Obama per le elezioni presidenziali, mimando pure i gesti della first lady americana per festeggiare l’elezione del marito a sindaco di bergamo.

Ma ve la immaginate la Parodi seduta al pc che ordina su Asos il vestito a quadretti bianchi e rossi facendo le prove generali per la pagliacciata?

Met gala 2014: Katie Holmes come Belle de La Bella e la Bestia Disney

katie_holmes

Sul red carpet puoi sbagliare look, è umano. Ma quando ti guardi allo specchio e ti senti una principessa, dovresti farti due domande e chiederti soprattutto se quell’abito non ricorda proprio quello di una principessa Disney. Non trovo le parole per descrivere il vestito giallo Marchesa indossato da Katie Holmes, so solo che ricordava troppo l’abito di Belle nel cartoon La bella e la Bestia Disney e stando ai giudizi del popolo del web e ai collage apparsi sui social non sono stata l’unica a pensarlo.

E pensare che quando la Holmes scivolava su scelte di dubbio gusto davamo la colpa al povero Tom. Questo abito a conti fatti potrebbe averlo scelto per lei Suri.

katie-holmes-belle-beauty-and-the-beast-met-gala-2014-red-carpet__oPt

Caduta di stile// Donatella Versace e quell’abito “sbagliato” al MET Gala di New York

donatella_versace_met_gala_2014

La sensualità della schiena nuda sul red carpet è parecchio apprezzata. Di solito. Non in questo caso, non se la schiena nuda è quella di Donatella Versace che invitata da Anna Wintour al Costume Center in occasione di uno degli eventi fashion più attesi , il MET Gala 2014, ha pensato fosse il caso di strizzare il busto in un meraviglioso abito senza spalline verde oliva che metteva in risalto una silhouette che a 59 anni la maggior parte delle donne sognano, ma anche una schiena piena di rughe e pelle avvizzita, degna dei peggiori incubi.donatella_versace_met_schiena_rughe

Leggi il resto di questo articolo »

Leggi il nuovo numero