#icebucketchallenge: la doccia ghiacciata per raccogliere fondi per combattere la SLA arriva anche in Italia

Rita Ora does the ALS Ice Bucket Challenge outside her NYC hotel and afterwards challenging Iggy Azalea to the challenge next

Sul web non si parla d’altro, sui social spopolano le condivisioni dei video, è il fenomeno Ice bucket challenge che partendo da una buona causa sta coinvolgendo personaggi noti e migliaia di persone comuni.

Di cosa si tratta? Una raccolta fondi a livello mondiale per sostenere l’associzione Als (Amyothropic lateral sclerosis, in Italia nota come Sla, Sclerosi laterale amiotrofica) che invita a riempire un secchiello di ghiaccio, svuotarlo sulla testa davanti a una videocamera e impegnarsi a fare entro 24 ore una donazione alla associazione, senza dimenticare di nominare amici, parenti e in generale chiunque possa accettare di partecipare  alimentando la catena virtuosa.icebucketchallenge_sla

I vip non se lo sono fatti ripetere due volte: da Lady Gaga a Ben Affleck, da Bruce Springsteen agli One Direction, passando per Zac Efron, George Bush, Gwen Stefani, Mark Zuckerberg, Justin Timberlake, Katy Perry, Shakira.

Anche in Italia hanno partecipato alla sfida, da Mario Balotelli a Belen, da Laura Pausini a Michelle Hunziker e Roberto Bolle, Andrea Bocelli, Marco Mengoni, Fiorello e Lorenzo Jovanotti, che hanno invitato a partecipare il premier Matteo Renzi (che pare abbia accettato a sua volta).

Esibizionismo? Può darsi, ma i numeri diffusi dall’associazione parlano di un successo senza precedenti (ad oggi 41 milioni di dollari raccolti) e allora ben venga la doccia ghiacciata condivisa sui social, anche se sul web non mancano le critiche e lo scetticismo di chi forse una doccia fredda farebbe bene a farsela quotidianamente per sedare la fastidiosa sindrome da “bastian contrario”. Ci sono poi quelli che non si premurano nemmeno di documentarsi e credono che la doccia sia una sorta di “paga pegno” per non sborsare denaro. Ma vi pare? Lo scopo è quello di raccogliere donazioni e far donare.

L’upskirt di Laura Pausini sul palco in Perù e le critiche sul web

US-ENTERTAINMENT-MUSIC-LATIN GRAMMY

Ho sempre pensato che quando alla fine di un concerto il cantante va via, sia consapevole dell’obbligatorio rientro sul palco per una canzone finale che congedi gli spettatori. Durante il concerto del 24 Luglio in Perù, Laura Pausini ha salutato i fan ed è andata dietro le quinte, loro l’hanno chiamata e lei, come da copione, è tornata fuori per concedere un bis di “Jamàs abandoné“.

Lo ha fatto in accappatoio e nient’altro, tanto che muovendosi sul palco ha mostrato le parti intime al pubblico per qualche secondo. Quello che mi chiedo è: perchè salire sul palco senza mutande? Cosa porta mutande di amianto che una volta finita l’esibizione ha sentito l’impellente bisogno di liberarsene? Leggi il resto di questo articolo »

OMG! Leonardo Di Caprio ingrassato e irriconoscibile in vacanza a Miami

leonardo-dicaprio-ingrassato

Se l’intento di Leonardo Di Caprio era rendersi irriconoscibile per trascorrere le vacanze a Miami senza fan scocciatori, c’è riuscito perfettamente. Barba incolta, capello lungo raccolto in un improbabile codino e pancia rilassata.

Un oscar stavolta se lo merita eccome, per l’interpretazione impeccabile del turista trasandato.  Leggi il resto di questo articolo »

Arriva Barbie – Karl Lagerfeld: Mattel diffonde il primo schizzo, ma alle bambine piacerà?

lagerfeld_barbie

Che Karl Lagerfeld fosse un’icona della moda non avevamo dubbi, ma che potesse addirittura ispiarare una Barbie a sua immagine e somiglianza ci lascia francamente stupiti.

L’annuncio ufficiale arriva direttamente da Mattel, che ha già diffuso il primo schizzo della Barbie più modaiola che si sia mai vista: giacca, pantalone skinny, cravatta, cosa bassa e capello tanto biondo da apparire praticamente bianco. Immancabili gli occhiali da sole scuri e naturalmente loro, i guanti senza dita, segno distintivo dell’istrionico stilista, mente creativa di Chanel. Leggi il resto di questo articolo »

L’incubo della valigia smarrita in vacanza: Carpisa assicura il tuo bagaglio e te lo ripaga in caso di smarrimento

woman_luggage

Pianifichi le vacanze per mesi, aspetti facendo il countdown dei giorni che mancano alla partenza e quando arriva il momento di preparare la valigia ovviamente selezioni accuratamente, lista alla mano, tutto ciò che vuoi portare con te: il vestito preferito, la borsa figa, le scarpe comode ma chic… sì perchè in vacanza ciascuno di noi ovviamente porta il meglio del guardaroba, i capi che preferisce, quelli con cui si sente al top e che non vede l’ora di indossare alla scoperta della meta che ha scelto di visitare.

Piena di aspettative prendi un aereo che ti porterà a destinazione, sei stata brava, la valigia non supera il peso consentito, trascorri  le ore di viaggio sfogliando la guida, immaginando itinerari ideali, finalmente atterri, ci sei quasi, arrivi al nastro del ritiro bagagli e aspetti di ritirare la valigia. Leggi il resto di questo articolo »

Leggi il nuovo numero